Benessere sessuale

Come le restrizioni sui contenuti relativi al benessere sessuale influenzano l'educazione sessuale

I creatori di contenuti sul benessere sessuale hanno difficoltà ad esistere in piattaforme di social media come Facebook, Instagram e YouTube. Chiunque abbia mai usato i social media può probabilmente dirvi quanto siano sessualizzati - ès difficile andare un paio di post senza vedere qualcunosedere nudo di qualcuno, un belfie". Nel frattempo, i creatori di contenuti per il benessere sessuale devono contorcersi in pretzel linguistici per evitare la censura, soprattutto se si rivolgono alle donne o ai gruppi LGBTQ+.

Per esempio, Playboy ha milioni di seguacie non vengono mai censurati anche se presentano regolarmente donne in vari stadi di svestizione per un pubblico principalmente maschile. Nel frattempo, una piattaforma di sesso sicuro chiamata Bedider viene costantemente segnalata e non può fare pubblicità perché parla di benessere sessuale in uno stile divertente e relazionabile. Purtroppo, questo esempio è tutt'altro che isolato.

Le piattaforme dei social media costantemente dare un giro di vite agli educatori in materia di salute sessuale e piattaforme che si impegnano in sane discussioni sulla sessualità e sul benessere sessuale, mentre danno libero sfogo agli account che oggettivizzano i corpi delle donne o si rivolgono allo sguardo maschile.

Questo è particolarmente triste perché i social media sono situati in una posizione unica per sfidare le norme tradizionali dell'educazione sessuale. Essoè un'area accessibile dove le persone di tutto il mondo possono accedere alle informazioni che possonoaccedere altrove. Gli educatori sessuali possono raggiungere gli individui che sono incerti sulle pratiche di sesso sicuro e sulla sessualità e aiutarli.

Ma la maggior parte delle piattaforme di social media impedisce attivamente agli educatori sessuali di discutere di benessere sessuale. Questo articolo esplora come le restrizioni sui contenuti del benessere sessuale influenzano l'educazione sessuale.

Perché l'educazione sessuale basata sull'astinenza non funziona.

Solo 13 stati negli USA richiedono che l'educazione sessuale sia accurata dal punto di vista medico. Molte scuole si concentrano ancora su educazione sessuale basata sull'astinenzaanche se è ampiamente considerata inefficace, immorale e discriminatoria. Le seguenti sono alcune delle ragioni principali per cui l'educazione sessuale di sola astinenza non funziona:

  • Si basano su un mito scientificamente errato e smentito che il sesso prima del matrimonio ha effetti psicologici e fisici dannosi.
  • La ricerca mostra che falliscono costantemente nei loro obiettivi primari - prevenire le MST e le gravidanze adolescenziali. Semmai, è più probabile che gli adolescenti si impegnino comunque in rapporti sessuali, ma senza pratiche di sesso sicuro, aumentando così il rischio di gravidanza adolescenziale e di MST.
  • Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti e la maggior parte delle principali associazioni di medici non sostengono l'educazione all'astinenza.
  • Stigmatizzano i giovani non eterosessuali.
  • Si basano su stereotipi di genere e svergognano attivamente le ragazze che fanno sesso al di fuori del matrimonio, spesso paragonandole a gomme da masticare usate o scarpe vecchie.
  • Ignorano la realtà degli adolescenti che possono essere stati sfruttati o abusati sessualmente, e vengono poi fatti sentire colpevoli.
  • Violano l'etica medica perché promuovono falsità sulla contraccezione.

Ciò che l'educazione sessuale DOVREBBE includere.

Invece di concentrarsi sugli ormoni "impetuosi", promuovere falsità sulla contraccezione e paragonare le giovani ragazze a scarpe vecchie e usate, l'educazione sessuale dovrebbe inculcare un atteggiamento sano verso il sesso. Le seguenti sono alcune cose che l'educazione sessuale DOVREBBE insegnarci:

  • Il piacere sessuale è naturale e normale - non sei sessualmente deviato perché vuoi fare sesso.
  • Non c'è niente di male nella masturbazione, ed è un mezzo sano per imparare ad apprezzare il proprio corpo.   
  • Demistificare il corpo femminile insegnando ai bambini di tutti i generi l'anatomia femminile.
  • La differenza tra "buon tocco" e "cattivo tocco" e come identificare se una situazione è sbagliata.
  • Le MST sono incredibilmente comuni e possono capitare a chiunque - non c'è una morale legata alle MST; sono malattie come le altre.
  • Il sesso sicuro è in realtà un sesso migliore.
  • Discussioni basate sull'evidenza, non parziali e non giudicanti sulle pratiche di sesso sicuro.
  • Il consenso va molto più in profondità di "no significa no".
  • Il valore di parlare quando qualcosa non va o di ascoltare il proprio istinto.
  • Il tuo valore non è legato alla tua "purezza".
  • Il sesso queer è altrettanto sano e normale del sesso eterosessuale.
  • Il sesso queer può ancora portare a malattie sessualmente trasmissibili.
  • Il sesso non è necessariamente penetrativo.
  • Il genere e la sessualità sono uno spettro - tutte le identità sessuali e le espressioni di genere sono ugualmente valide.

Come i social media possono essere uno strumento positivo per l'educazione sessuale.

Sia gli adolescenti che gli adulti usano la tecnologia e i social media come una delle fonti principali di educazione e informazione sulla salute sessuale. Poiché l'educazione formale fa un lavoro terribile nell'inculcare una sana consapevolezza sessuale, gli adolescenti (e gli adulti) vanno sui social media per chiarire le loro domande e preoccupazioni.

Circa 89% di tutti gli adolescenti dicono di aver appreso le pratiche di salute sessuale da fonti online. Questo significa che le piattaforme di social media hanno il potere di essere uno strumento positivo per l'educazione sessuale. Purtroppo, le piattaforme di social media hanno politiche contro i contenuti per adulti che penalizzano attivamente gli educatori sessuali e gli utenti che si impegnano in discussioni franche sulla sessualità.

Perché le restrizioni sui contenuti del benessere sessuale hanno un impatto sull'educazione sessuale.

La maggior parte delle piattaforme di social media hanno politiche che mirano a limitare la disponibilità di contenuti di benessere sessuale sulle loro piattaforme, anche se la maggior parte di queste piattaforme sono guidate da post iper-sessualizzati. Secondo Susan Gilbert, co-direttore di The National Coalition for Sexual Health, questo doppio standard rappresenta i nostri atteggiamenti culturali verso il sesso e la sessualità in generale.

Dice: "Viviamo in un mondo ipersessuale. Le immagini e i contenuti sessuali sono letteralmente ovunque, dalle pubblicità suggestive e dai romanzi erotici alle serie televisive provocatorie e alle rubriche di consigli sessuali nelle riviste e su Internet. Eppure abbiamo un accesso limitato alle informazioni positive e credibili sulla salute sessuale e al dialogo aperto che può aiutarci a mantenerci sani".

Le piattaforme di social media spesso usano terminologie vaghe per frenare i contenuti per adulti. Facebook e Le politiche di Instagram dichiarano di censurare i contenuti che promuovono il "piacere sessuale", il "miglioramento sessuale" o il "contenuto eccessivamente suggestivo o sessualmente provocatorio". Le politiche sui contenuti sessuali di YouTube affermano che vietano i contenuti che promuovono la "gratificazione sessuale".

Tutte queste sono terminologie vaghe usate per censurare gli educatori sessuali e i creatori di contenuti sul benessere sessuale. Per esempio, vlogger di salute sessuale su YouTube sono "shadow-banned", cioè, YouTube de-incentiva gli utenti dall'accedere o cliccare su quei video, il che li rende essenzialmente invisibili nella piattaforma. In un altro esempio eclatante, i creatori di contenuti LGBT+ hanno recentemente notato che YouTube ha contemporaneamente demonetizzato i loro video mentre li riproduceva accanto pubblicità di organizzazioni anti-LGBTtra cui gruppi di terapia di conversione.

Se questi esempi mostrano qualcosa, è che le piattaforme dei social media hanno tutto il potenziale per essere strumenti uguali e democratizzati per l'educazione sessuale, ma l'attuazione incoerente e parziale delle loro politiche vagamente formulate vanifica attivamente questo potenziale.

L'autore
Ellie Cooper
Ellie è una scrittrice freelance e un'appassionata del piacere. È molto a suo agio parlare di vagine, scalare montagne e mangiare cibo piccante, ma non parcheggio parallelo. Vive con un gatto molto cicciotto di nome Charles che ama essere coinvolto nel processo di scrittura dormendo sulla sua tastiera.
Ulteriori letture
Articolo precedente
Capire le restrizioni di Youtube sui contenuti relativi al benessere sessuale
Articolo successivo
Comprensione delle restrizioni Instagram sui contenuti dedicati al benessere sessuale